NEWS

Il traguardo è di quelli che segnano la storia della subacquea e del genere femminile. Dal 1849, anno di nascita dalla prima scuola militare, Chiara Giamundo è la prima donna ottenere il titolo di palombaro della Marina Militare italiana. Anzi palombara.

Questione di capacità, di sostenibilità a reggere le prove a misura di maschi, come riporta il quotidiano La Nazione. Chiara ha 23 anni ed è campionessa di nuoto. Venerdì prossimo il suo istruttore le calzerà in testa l’ambito basco blu, dopo aver passato la rigida selezione insieme a 15 nuovi allievi che, da quel giorno, diventeranno palombari a tutti gli effetti, abilitati alle immersioni fino a 60 metri di profondità.

Chiara Giamundi

Chiara Giamundi

È il nostro orgoglio”, dice Mauro Ranzoni, allenatore di Chiara, insieme al collega Francesco Tiselli, nel periodo in cui la ragazza ha maturato la passione per l’acqua dolce. “Ha saputo inanellare risultati prestigiosi: titoli regionali e ottimi piazzamenti ai campionati italiani. La tenacia, insieme all’acquaticità, è stata sempre la sua migliore qualità. È una ragazza di grande determinazione“.

Risale a due anni fa l’ingresso di Chiara nella Marina Militare. Poi, dopo il superamento dei due mesi prova al centro reclutamento di Taranto, si è presentata l’opportunità del concorso per l’accesso alla scuola palombari del Varignano. Altre ragazze, in passato, ci avevano provato per poi, però, desistere: troppa dura, troppa rigida la selezione.

 


PARTNER ENI Intesa SanPaolo SNAM
CON IL PATROCINIO DEL Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
POWERED BY Realtime
SUSTAINER JWT Hill Knowlton Strategies Corriere della Sera
CONTRIBUTOR
CERCA NEL SITO CERCA