NEWS

Largo alle donne nella Scienza! Distruggiamo gli stereotipi, sfidiamo i pregiudizi di genere e sconfiggiamo la discriminazione che ostacola donne e ragazze nel perseguire una carriera STEM.

Per promuovere l’uguaglianza di genere e l’empowerment femminile, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite  dichiara l’11 febbraio Giornata Internazionale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza.  Il tema di quest’anno è “Investire nelle donne e nelle ragazze nella scienza per una crescita verde e inclusiva”. 

Poniamo fine allo squilibrio di genere nelle STEM

Per troppo tempo i campi STEM sono stati plasmati da pregiudizi di genere che escludono donne e ragazze: l’accesso ineguale all’istruzione, alle tecnologie e alle posizioni di leadership ha allontanato innumerevoli menti femminili brillanti dalle carriere STEM e ne ha bloccato il progresso. Per secoli, il ruolo delle donne nella scienza è stato sottovalutato. Eppure i raggi X, e persino la scoperta della materia oscura sono stati tutti merito del lavoro delle scienziate, ma nella maggior parte dei casi hanno ricevuto pochi riconoscimenti e sono state discriminate dai loro coetanei maschi. Queste donne si sono battute per approfondire le conoscenze scientifiche e rompere le barriere di genere. Oggi, le loro scoperte e i loro risultati continuano a ispirare innumerevoli altre persone a intraprendere una carriera scientifica.

L’ONU ci racconta che attualmente il 28% dei ricercatori di tutto il mondo sono donne. Secondo i dati dell’UNESCO (2014 – 2016), solo il 30% circa di tutte le studentesse sceglie i campi legati alle STEM nell’istruzione superiore. A livello globale, l’iscrizione delle studentesse è particolarmente bassa nei settori delle ICT (3%), delle scienze naturali, della matematica e della statistica (5%) e dell’ingegneria, delle costruzioni (8%). 

Inoltre, le donne nei campi STEM sono “pubblicate meno, pagate meno per le loro ricerche e non avanzano quanto gli uomini nella loro carriera”, secondo Phumzile Mlambo-Ngcuka, sottosegretario generale delle Nazioni Unite e direttore esecutivo di UN Women.

Un altro dato? Solo 17 donne hanno vinto il premio Nobel per la fisica, la chimica o la medicina dopo Marie Curie nel 1903, rispetto a 572 uomini.

Secondo noi è importante dare un segnale di rottura con gli stereotipi: il gender gap nel settore scientifico rischia di tenere le donne ai margini del futuro del lavoro, perché sarà proprio negli ambiti tecnologico-scientifici che si genererà maggiore occupazione.

Ispirare le giovani generazione grazie alle role model

Per avvicinare le ragazze allo studio in ambito scientifico è importante mostrare esempi di donne che hanno avuto successo. Un ruolo importante lo giocano i media, il mondo sullo schermo riflette pregiudizi diffusi nella società: lo studio “Gender Bias Without Borders” del 2015 del Geena Davis Institute ha mostrato che tra i personaggi sullo schermo con un lavoro STEM identificabile, solo il 12% erano donne. Il ruolo più importante è svolto dai sistemi educativi nel determinare l’interesse delle ragazze per le materie STEM e nel fornire pari opportunità di accesso e di beneficiare di un’educazione STEM di qualità.

 

InspirinGirls porta nelle scuole medie di tutta Italia le testimonianze delle role model, donne manager, ingegnere, professioniste, sportive, imprenditrici e il racconto delle loro carriere professionali, del coraggio e della passione che hanno guidato le loro scelte, oltre gli stereotipi di genere.

Sei interessata ad aderire come role model? CLICCA QUI


PARTNER ENI Intesa SanPaolo SNAM
CON IL PATROCINIO DEL Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
POWERED BY Realtime
SUSTAINER JWT Hill Knowlton Strategies Corriere della Sera
CONTRIBUTOR
CERCA NEL SITO CERCA